Il popolo del Granocchiaio (contrada pluricampione dei Ruzzi della Conca) ha inaugurato la nuova sede ufficiale della contrada; una struttura sognata per ben due anni e che adesso rappresenta il cuore della storia bianco/verde. Tantissime le persone presenti all’inaugurazione oltre al sindaco Juri Bettollini, gli assessori della giunta, il consigliere regionale Stefano Scaramelli, i presidenti delle altre quattro contrade di Chiusi Scalo, Don Antonio Canestri e naturalmente il presidente della Contrada del Granocchiaio Stefano Rende, che più volte si è lasciato andare all’emozione e a lacrime di gioia.

“L’inaugurazione della sede della contrada del Granocchiaio – dichiara il sindaco di Chiusi Juri Bettollini – è stata da pelle d’oca per l’intensità delle emozioni che abbiamo vissuto. La passione delle donne e degli uomini che hanno lavorato alla costruzione della struttura è stata percepibile e palpabile. Gli occhi lucidi e le lacrime di gioia negli occhi dei contradaioli e del presidente sono stati la migliore dimostrazione di quanto le cose più semplici siano quelle che rendono grandi una comunità. Quattro contrade su cinque hanno adesso una sede degna di questo nome dove coltivare lo spirito contradaiolo e fare crescere la storia dei Ruzzi della Conca. Il prossimo obiettivo sarà mettere al più presto la prima pietra anche della sede della contrada del Mar Nero. A tutto il popolo bianco/verde vanno i nostri ringraziamenti per non aver mai smesso di credere in questo sogno, che conferma il grande orgoglio insito nel dna delle donne e degli uomini che rappresentano la contrada più vittoriosa nella storia dei Ruzzi della Conca.”

“Per noi è un sogno trasformato in realtà – dichiara il presidente Stefano Rende – dalla posa della prima pietra al taglio del nastro sono passati tanti giorni, ci sono state difficoltà e rallentamenti, abbiamo lavorato con la neve e con il caldo torrido, ma non abbiamo mai smesso di credere che il giorno dell’inaugurazione sarebbe arrivato e che sarebbe stata una festa straordinaria. Ho visto gli occhi lucidi di tantissime persone, che con orgoglio hanno partecipato alla realizzazione della nostra nuova casa perché è questo quello che per noi rappresenta la sede ovvero una casa accogliente per tutte le persone che vestono i colori bianco/verdi della nostra contrada. Un ringraziamento e un pensiero speciale, oltre che all’amministrazione comunale, al sindaco Bettollini e all’ex sindaco Scaramelli, va a tutte quelle persone che hanno permesso la realizzazione di questo sogno; ogni contributo, in termini di tempo, lavoro e anche finanziario è stato prezioso e fondamentale. Avere questa sede è un vero orgoglio e sono certo che i nostri ragazzi la faranno vivere con lo stesso ardore che caratterizza la storia della nostra contrada.”

All’interno della sede non potevano mancare le tante Conche conquistate negli anni d’oro della contrada bianco/verde e la Conca conquistata in campo femminile nell’ultima edizione dei Ruzzi. La realizzazione della sede della contrada del Granocchiaio è stata possibile grazie ad un contributo del Comune di Chiusi di 13 mila euro derivato dall’impegno degli oneri di urbanizzazione e soprattutto a tanti contributi (grandi e piccoli) delle famiglie che vivono nel territorio della contrada, che sono state ringraziate una ad una durante l’inaugurazione